ConTatto

Pratiche per Rallentare

Bushido, la strada che cercavo

ALLE

Ho iniziato a praticare perché ero ad un punto della mia vita in cui avevo bisogno di tornare su di una strada, un percorso che avevo iniziato da quando ero bambino e che avevo un pò smarrito; il “Budo”, inteso come "Via marziale". Ho scelto l'Aikido perché per me è l'arte marziale…

…per eccellenza, l'unica che abbia rispettato i valori della vera tradizione giapponese:
rispetto per il maestro, per il compagno/avversario, per il dojo
e allo stesso tempo tecniche di difesa pure ed efficaci, non contaminate dallo sport o dalla necessità di essere appariscenti.

ConTatto é fatto da persone incredibili che condividono la stessa passione per l'aikido e per quello che rappresenta.
Tutti, dai maestri al praticante più giovane, sono accomunati dalla voglia di praticare e di migliorare quotidianamente.

Consiglio questa pratica a chi vuole vivere davvero il “Bushido”.
Per me è l'arte marziale di chi vuole imparare a vincere uno scontro senza arroganza o senza che nessuno ne esca sconfitto o danneggiato, è l'arte marziale di chi vuole proteggersi da un'aggressione ma allo stesso tempo avere la scelta di perdonare il proprio aggressore.

I Maestri sanno in ogni lezione nutrire la mente degli allievi.
Ciò vuol dire che ogni volta, al termine della pratica sei svuotato fisicamente e più ricco mentalmente, hai abbandonato sul tatami tutta la stanchezza quotidiana e torni a casa con nuovi spunti per riflettere.
La pratica é sempre affiancata da una lezione morale e spirituale.
Ciò che imparo sul tatami, grazie ai maestri e ai compagni, poi cerco di portarlo anche al di fuori del dojo.

La pratica mi spinge ad essere una persona migliore.